Uncategorized

Contratto preliminare di compravendita
contratto preliminare di compravendita
Il contratto preliminare di compravendita (anche detto compromesso) è un vero e proprio contratto che obbliga entrambe le parti alla stipula del contratto definitivo. Obbliga e tutela entrambi i protagonisti della compravendita; un’altra garanzia è offerta dalla trascrizione del contratto preliminare nei registri Immobiliari, eseguita dal notaio.
Il contratto preliminare di compravendita deve indicare gli elementi principali della vendita quali, il prezzo e la casa da acquistare, l'indirizzo e una precisa descrizione (piani, stanze etc.) con i dati del Catasto e la data del contratto definitivo.
E’ opportuno, inoltre, definire tutti gli obblighi reciproci da adempiere…
Leggi di più

Come scegliere il Notaio di fiducia
Come scegliere il notaio di fiducia
Avete finalmente trovato la casa dei vostri sogni e avete fissato il tanto atteso giorno del rogito ma vi manca il notaio. Dato che siete gli acquirenti avete tutto il diritto di scegliere voi il professionista al quale affidarvi ma non è sempre facile. Innanzitutto spaventano le parcelle che i notai si portano a casa ma il costo della prestazione non deve essere l`unico criterio sul quale basarsi. Se vi rivolgete al portale Notaiodificucia.it potrete avere un ottimo prezzo ed essere assistiti/tutelati nella scelta del Notaio di fiducia ricercato in ogni caso ricordatevi di…
Leggi di più

Divisione Ereditaria
Divisione Ereditaria
L’atto di divisione ereditaria è uno strumento giuridico mediante il quale avviene la cessazione dello stato di comunione esistente tra più soggetti in relazione a un determinato bene immobile. Con essa, infatti, si stabilisce l’attribuzione a ciascuno dei soggetti della proprietà esclusiva di parte del bene comune.
Al contempo, si stabilisce l'attribuzione a ciascuno dei soggetti della proprietà esclusiva di una parte del bene comune, corrispondente per valore alla quota spettante di diritto.
Questo avviene di solito quando più persone, “Eredi”, accettano la loro quota di eredità e si accordano per dividerla in parti uguali.
Pensiamo ad esempio…
Leggi di più

Bonus mobili per giovani coppie
Bonus mobili per giovani coppie
Il comma 75 della Legge di Stabilità 2016, Legge n. 208/2015, introduce una nuova detrazione Irpef per le “ giovani coppie ” che acquistano mobili e arredi dell’unità abitativa destinata all’abitazione principale.
In particolare la norma prevede che tali giovani coppie, costituenti un nucleo familiare composto da coniugi o da conviventi more uxorio, che:

abbiano costituito tale nucleo familiare da almeno tre anni ,
almeno uno dei due componenti non abbia superato i trentacinque anni di età ,
abbiano acquistato un’unità immobiliare da adibire ad abitazione principale,

possono beneficiare di una detrazione dall'imposta lorda, fino…
Leggi di più

Convenzione Notaio di fiducia 2016
Convenzione 2016 Notaio di fiducia
Convenzione Notaio di fiducia 2016
Avete un immobiliare o Finanziaria e gestite molteplici Atti Notarili con i vostri clienti? Chiedete la convenzione di Notaio di fiducia 2016 e create un sevizio veloce, professionale e soddisfacente per i vostri clienti creando una rendita per il vostro NUOVO servizio.
potrete avere un ottimo prezzo per gli atti da stipulare ed essere assistiti/tutelati nella stipula dei vostri atti.
Tutti i Notai a noi associati oltre all’ottima reputazione e fiducia che vantano, forniscono attraverso il nostro staff la possibilità di incontrare di persona il referente dello studio e di…
Leggi di più

SCEGLIERE L’AGENTE IMMOBILIARE DI FIDUCIA.
SCEGLIERE L’AGENTE IMMOBILIARE DI FIDUCIA.
Le 8 caratteristiche che il tuo agente immobiliare deve avere:
1.UN AGENTE IMMOBILIARE È IL TUO CONSULENTE TECNICO DI QUALITÀ
-Al primo incontro ha ascoltato le tue esigenze?
-Ha risposto alle tue domande?
-È riuscito a chiarire tutti i tuoi dubbi?
La professione immobiliare richiede un aggiornamento continuo. Se segue corsi o seminari ed è una persona motivata può aiutarti a vendere più velocemente.
2.UN AGENTE IMMOBILIARE SA DOVE PRENDERE E VEICOLA LE GIUSTE INFORMAZIONI (come le questioni legali)
-Ti ha letto e spiegato le condizioni del contratto che dovrai…
Leggi di più

Ipoteca immobiliare, la sospensione è possibile
Il giudice tributario può decidere la sospensione dell'ipoteca iscritta sulla prima casa del contribuente moroso. Ad affermarlo è stata l'ordinanza 73/3/2015 della ctp Reggio Emilia, che ha accolto il ricorso presentato dallo stesso contro equitalia. Il dl 69/2913 aveva già limitato la possibilità per l'agenzia di riscossione di eseguire i pignoramenti a pochi casi concreti
Il caso in oggetto
Equitalia aveva notificato al contribuente l'iscrizione di ipoteca immobiliare di proprietà per non aver provveduto al pagamento dei debiti tributari. L'atto precisava che si sarebbe provveduto inoltre alla vendita all'asta dei beni in mancanza del…
Leggi di più

LA RINUNCIA ALL'EREDITA'
La rinuncia all'eredità è una dichiarazione di non voler accettare il patrimonio lasciato dal defunto (con testamento o senza).
La rinuncia deve essere frutto di una scelta libera da condizioni e da termini, gratuita e a favore di tutti gli altri chiamati all'eredità.

Che cosa è
E’ un atto con il quale il chiamato (l’erede) dichiara di non volere acquistare l’eredità, ad esempio perché i debiti del defunto sono superiori ai crediti; in questo modo egli fa cessare gli effetti verificatisi nei suoi confronti a seguito dell'apertura della successione e rimane, pertanto, completamente estraneo alla stessa, con…
Leggi di più

LEGGE DI STABILITA’ 2016, LE NOVITA’
LE NOVITA’
AGEVOLAZIONI ACQUISTO PRIMA CASA:
Come noto, le agevolazioni in questione cambiano a seconda che la compravendita avvenga da un privato o da un’ impresa .
Se si acquista l’immobile da un privato si paga l’ imposta di registro al 2%, imposte ipotecaria e catastale fisse di 50+50 euro.
Se invece l’operazione avviene con un’impresa, la vendita è soggetta ad IVA e si applica la percentuale del 4%. Le imposte catastale e di registro salgono in questo caso a 200 euro (sempre in misura fissa).
La novità:
Dal 2016, il proprietario di un…
Leggi di più

Accettazione di eredità
L’eredità richiede sempre un’accettazione da parte dell'erede designato, dato che comporta l’assunzione della responsabilità per i debiti del defunto. L’accettazione dell'eredità può essere espressa o tacita. E' espressa quando la volontà di essere erede viene manifestata in modo diretto, in un atto formale.
Più spesso, però, ciò non avviene, e si verifica dunque un'accettazione tacita dell’eredità. Questa si verifica quando la persona chiamata all’eredità compie un atto che implica necessariamente la volontà di accettare l’eredità, e che egli non potrebbe compiere se non nella qualità di erede. Gli esempi più frequenti sono la vendita di un bene…
Leggi di più